Cos'è ASSOBAR

La nobile Associazione di Bar, Caffè, Pasticcerie ed esercizi similari della Provincia di Roma. Dal 1944 associati del calibro di Palombini, Doney, Canova, Caffè Greco, Rosati a Piazza del Popolo, Vanni e molti altri sono insieme a tutti gli altri associati per compiere ogni giorno insieme un silenzioso lavoro dietro le quinte, a risoluzione delle problematiche della categoria.

Separator

Per chi?

Per te che sei un Esercente di Roma e Provincia, che ogni giorno apre e chiude la sua Attività e affronta ogni situazione e difficoltà. Non sei più solo. Associarti ad ASSOBAR significa alleggerire gli impegni, avere supporto e consulenza e, soprattutto, dare a te stesso ed agli altri il chiaro segnale che sei una persona che affronta e vuole essere superiore ai problemi e le difficoltà dell'attività.

Separator

3 buoni motivi per associarti ad ASSOBAR

Consulenti sempre a disposizione per tutte le Aree di gestione della tua Attività

  1. Una linea strategica ed una voce autorevole nel Commercio di Roma e Provincia
  2. Soluzioni e sviluppo dell'attività con un solo interlocutore.

Risparmia tempo...
risparmi soldi e guadagni un'attività di successo!

 

Tributi, la situazione fornitori non conta

IO onlineNel processo tributario è irrilevante, ai fini della regolarità dei costi dedotti dal contribuente, la situazione fiscale del fornitore.

Lo afferma la Ctr Lombardia con sentenza 6217/2014 che fa chiarezza sul settore degli appalti privati. La sentenza è passata in giudicato, non avendo l'Agenzia delle entrate proposto ricorso per Cassazione avverso di essa.

La Commissione tributaria regionale ha interamente confermato, ampliandola, la sentenza della Ctp Milano n. 386 del 2013, appellata dall'Agenzia delle entrate. Essa statuisce che se il fornitore del contribuente su cui si appunta la verifica fiscale è risultato sconosciuto al fisco, l'Agenzia deve accertare se si tratti di persona fisica esistente evasore fiscale o di un nome di comodo, sentendo eventualmente la sua versione dei fatti. Ma nell'attuale situazione di amplissimi poteri istruttori dell'Agenzia, questa formulazione non risulta giustificata e ciò non poteva che comportare l'annullamento dell'accertamento. In sostanza, secondo i giudizi, un accertamento così strutturato è sprovvisto di fondamento probatorio in quanto il fatto che un fornitore non abbia mai presentato una dichiarazione dei redditi non può valere a disconoscere i costi della dichiarazione dei redditi del contribuente.

Ciò perché, in primo luogo, nessun imprenditore è tenuto a sapere se le persone con cui fa affari sono evasori o meno.